LONGING FOR
desiderando intensamente
Il progetto LONGING FOR desiderando intensamente è il racconto per immagini di una
tragedia comune e annunciata, la cronaca quotidiana che leggiamo sui giornali. Una forte
ispirazione viene dal testo di Federico Garcia Lorca “Nozze di sangue”, che parla
dell’omicidio per amore. Un racconto per immagini popolare e contemporaneo, uno studio
sulla predisposizione oscura dell'animo umano che porta alla catastrofe. Come rendere
universale attraverso le immagini tanta brutalità?
Un viso che ne comprende tre. Un’identità multipla senza né vinti né vincitori. Una storia
che è la storia di uomini antichi e moderni, la comune miseria dell'esistere che non sconta
epoche.
Tre figure incontreremo nel percorso. Un uomo che non svela mai il viso come a
nascondere una vergogna fluorescente per un torto ancora non commesso, un viso sordo
con lacrime di sangue per un dolore che sa essere vicino e infine la bestia, nobile e feroce
che giace nel profondo degli animi, li muove e li assorda.
La storia di un mistero già risolto.
Vogliamo cercare con queste immagini di eliminare il rischio di epicità della tragedia
riportandola a una dimensione di verità che non lascia scampo ai sentimentalismi.
L'animo umano è misterioso e bestiale, la tragedia ci riporta li dove noi non vogliamo
tornare, risveglia le passioni più dense e i dolori più cupi. Questo salto nel buio, questa
vertigine dello sconosciuto va fino in fondo ai nostri occhi.
Un senso di vita impossibile, non inerme disperazione.
Un magico valore liberatorio.
Un'indagine nella china dell'animo umano. Non ci sono colori pastello o mezze misure,
proviamo ad andare in fondo ai dolori dell'uomo, che comprendono anche le gioie.
Un’unico soggetto che ne comprende tre in un luogo che è spoglio di tutto, un orizzonte
limpido.
Come se a ucciderci fossimo noi stessi, la natura che siamo e combattiamo, l'arma più
grande e pericolosa che possediamo. Nessun psicologismo, solo gli atti che riportano gli
uomini agli uomini.

Testo: Giulia Spattini